sabato 3 aprile 2010

Sorrido




Lascia che arda
Lascia che bruci
Lascia che devasti
Lascia che sia

Imprimo parole lette nel lato oscuro dei miei pensieri che divagando vagano senza sosta a sfogliare anticaglie ora prive di valore alcuno.

Sorrido.

Cerco di calarmi immedesimandomi in chi Ti ha creduto suo con la certezza di avere avuto in pugno anche solo un brandello di Te, quasi certa d’esser stata l’Unica o unica.

Sorrido.

Conosco i tormenti e l’inarrestabile potenza del Vento che essere imprigionato o fermato o placato non può quando inizia la sua macabra danza di vendetta furiosa e attender non sa che una parola frantumi il Silenzio ... se solo ha sentore che un suono stia per esser emesso.

Sorrido.

Quanti hanno realMente tastato la Tua forza? Credo davvero pochi o il silenzio non sarebbe tanto assordante! Hai per troppo taciuto e permesso concedendo illusioni che t’hanno illuso a loro volta di vedere quello che non era in realtà, nemmeno l’ombra di quello che voleva apparire.

Sorrido.

Cerco di spaziare a quando vedrai quello che io ho visto, provo a cercare di captare anche solo un millesimo della rabbia che potrebbe scaturirne implorante di venir fermata ... ed al contempo sublimata all’idea di poter finalMente eplodere come da troppo tempo avrebbe dovuto fare.

Sorrido.

Non temo confronti, non voglio confronti, ciascuno paga il prezzo suo ed io sono pronta da un pezzo a versarlo sull’unghia, senza sconto alcuno chiedere fiduciosa nel fatto che nessuno oserà chiederne a me o il sorriso cambierebbe in fragorosa risata che echeggia sull’aria del mondo contaminandola.

Sorrido.

Lo faccio anche per Te che so bene non lo farai affatto, senza con questo cercar di incatenarti con illusori canti di sirene … ma credimi … sorrido davvero. La mia forza è la Tua … la Tua forza è la mia … assolutamente compensative e ben saldaMente legate.

Sorrido.

Stringo tra le mani la Tua chiave calda appesa al collo che pare bruciare … e Tu sai che cosa significa … mentre stringo nell’altra la cosa della quale hanno tentato di defraudarmi con scarsi successi. Lotto fino all’ultimo respiro per quello che mi appartiene … per quelli che Amo … e Tu sei anche più agguerrito di me per quanto strano possa sembrare ... sai essere corrispondente al vero.



Sorrido.

La mente vola all’ultima notte trascorsa l’uno nell’altra e spazia in attesa della prossima che verrà, non appare poi così lontana … aumenta il desiderio di passione e di perdersi negli abissi profondi che ci appartengono (io nel tuo Tu nel mio).

Sorrido.

La cecità della gente ha davvero celato loro la sete di vendetta e la rabbia che Ti muove quando toccano qualcosa di veramente Tuo? Eppure Ti si conosce … sei stato anche pare in balia ... e sapevi ben riflettere quello che nemmeno Tu avevi saputo cogliere.

Sorrido.

Ho dovuto chiuderTi gli occhi perché iniziassi a vedere le Essenze vere celate dietro superficialità di quello che Ti hanno fatto credere, taciuto una volta credono di poter gestire la Tua pelle per sempre convinti che non vedrai ... o se lo farai starai zitto.

Sorrido.

Il vaso è colmo da parecchio ed una sola piccolissima ultima goccia sarà causa occasionale di un’esplosione, dell’innesco di una reazione senza ritorno che vedrà travolto chi alle spalle ha saputo ferire a colpo di biforcuta lingua ed ipocrita pensiero.

Sorrido.

Crederanno alla tua pazzia, nessuno sbrocca per una piccolezza (davvero non si sono accorti che goccia dopo goccia il vaso si riempie?) e Tu hai un profondo e ben radicato senso di giustizia che T’appartiene da sempre essendo nato con Te … e lo hai saputo ben coltivare nel tempo trascorso celandolo agli occhi di chi li riempiva solo di stupidi egoismi puerili. Patetici oltre ogni misura.

Sorrido.

La chiave si scalda ma non brucia la pelle che arde solo del graffiante desiderio di Te senza smettere di attenderti ogni istante con crescente Passione lacerante.

Sorrido.

La stoltezza della gente scivola sul piano inclinato della mia più totale indifferenza, io che sono sempre ben certa di che cosa non voglio, io che nelle mie incertezze ho saputo far ancora di una certezza non relativa ma assoluta … Tu!



Sorrido.

Ti hanno dipinto menzoniero e libertino, inconsapevoli che queste caratteristiche erano e sono solo prerogative loro … specchio si ma solo per meglio riflettere la merda che Ti proiettavano addosso.

Sorrido.

È bastato un buon bagno caldo perché il lordume della Tua pelle intrisa di tante codardie riprendesse il suo colore originale … bastava davvero tanto poco … T’accarezzo col pensiero, estasiata dalla luce pura che emani e dai colori che sai proiettare su di me.

Sorrido.

Consapevole che smetteranno loro quando vedranno e realizzeranno che Tu non stai sorridendo . quando si paleserà il ghigno a deformare i Tuoi lineamenti ed a rendere il colore dei Tuoi occhi più Nero del Catrame.

Sorrido.

Passerà anche questa bufera ed avrà le dimensioni di un granello di sabbia nel deserto quando la Tua mano stringerà la mia ed il mio sorriso sarà la sola cosa che Ti riuscirà di vedere illuminato dall’esile lume della fiamma di una candela che brucia per Noi soltanto.

Sorrido.

Lascia che arda
Lascia che bruci
Lascia che devasti
Lascia che sia


Ed ogni Tuo sorriso spazzerà via tutte le nubi, esili o tenaci che si credano, andranno via lontano … e lasceranno che le nostre Anime incarnate nel nostri corpi siano di nuovo libere di accarezzarsi graffiandosi appartenendosi in totale oblio dei Sensi … travolte da solita Passione.

Sorrido.

Tra poco chiamerai e la Tua voce come musica farà vibrare il mio corpo e mi dirai qualcosa che avrei voluto sentire e mi accarezzerai i capelli stringendoTeli al petto proteggendoli e preservandoli da ogni insignificante capriccio che sfocia in ridicole manfrine.

Sorrido.

La voglia di Te che non passa ed aumenta rafforzandosi ogni qualvolta inciampa in un ostacolo che tale non è perché non abbiamo limiti o confini … perché la fiducia nell’altro è assoluta ed incondizionata, perché dopo un lungo peregrinare non abbiamo intenzione alcuna di permettere che Ci si separi.

Sorrido.

Progetti una vita da condividere nella quotidianità di ogni più stupido e piccolo gesto e non è una cosa facile per Te lo so bene, ma nemmeno per me in fondo solo che … non esiste un Te o me quando si parla di Noi.

Sorrido.

L’egoismo e le etichette delle gente non capirebbero un concetto di libertà che sa spaziare delineandone netti contorni al di fuori dei quali poche cose sono ammesse o concepite.

Sorrido.

La mia Essenza non è cambiata ma molte sono le cose che hai saputo trovare in me o semplicemente aiutarle ad emergere per essere pronte quando il tempo lo sarà.

Sorrido.

Canto e Sorrido.

Ti penso e m’invadi riempiendomi il Cuore.
Ti Amo e ti sento scorrere nelle mie vene.
Ti vivo e respiro di Te in ogni stanza che ancora porta il tuo Odore.
Ti attendo ma o che sei con me in ogni istante.


Hey Jude, non peggiorare le cose:
prendi una canzone triste e rendila migliore.
Ricordati di riporla nel tuo cuore
e poi comincia a migliorarla.

Hey Jude, non essere dispiaciuto:
tu sei fatto per uscire e per stare con lei.
Nel momento in cui la lasci penetrare attraverso la tua pelle
puoi iniziare a migliorarla.

Ed ogni qualvolta provi dolore
hey Jude, fermati:
non portare il peso del mondo sulle tue spalle.
Per quanto tu ben sai che è stupido
e che c'è chi ne fa motivo d'orgoglio
rendendo il proprio mondo un pò più distaccato.

Hey Jude, non abbattermi:
tu l'hai trovata, ora vai e prendila.
Ricordati di riporla nel tuo cuore,
e poi comincia a migliorarla.

Quindi, lasciala uscire ed entrare,
hey Jude, incomincia:
tu stai aspettando qualcuno con cui esibirti.
E non sai che sei proprio tu,
hey Jude, tu lo farai:
la spinta di cui hai bisogno è sulle tue spalle.


Hey Jude, non peggiorare le cose:
prendi una canzone triste e rendila migliore.
Ricordati di lasciarla nel tuo cuore
e poi comincia a migliorarla.


4 commenti:

achab ha detto...

Ciao,bellissimo testo,è come un poema antico,che lacera e purifica l'anima,dichiarazione d'Amore scritta con il fuoco,complimenti.
Buona Pasqua.

Pure Poison ha detto...

@achab : Grazie ... in effetti è partita d'impulso da una frase letta.
Sono inarrestabile come il mio Elemento. Acqua ;)
E' una dichiarazione d'Amore che si rinnova ogni giorno.

Attendo la seconda Introspezione con Ansia.

Buona Pasqua a te.

NERO_CATRAME ha detto...

Lascia che arda,
lascia che bruci,
lascia che devasti,
lascia che sia.

Non ho mai preteso di essere compreso,
non ho mai preteso di essere capito,
a Noi succede spontaneamente,l'una nell'altro,e ci implodiamo esplodendo,ci introspettiamo emanando la luce.
Il buio è ciò che permette alla luce di essere tale.
Vivo mentre sorridi,ti ascolto serio,mentre non lo fai e tutto continuaa muoversi,perchè la staticità non fa per Noi.E' il tuo sorriso che illumina i miei colori.
Ti Amo

Pure Poison ha detto...

@NERO_CATRAME : E' Tempo di Pretendere quello che Ci Appartiene per Diritto.

La Comprensione non s'improvvisa.
O c'è o manca.

Come la Reciprocità o la Passione.

L'Ombra è da Sempre stata il mio Spiraglio dal quale Scrutare il Mondo.

Poi all'Improvviso ...
Una Magica Esplosione di Colori ...

Tu!

Tu sei ogni mio Sorriso,
Tu sei ogni mio Passo,
Tu sei ... punto.

Ho LiberalMente scelto Te.
Adesso e Per Sempre.

Rimarco la Promessa
Palesando l'Ovvio.

Ti Amo!