mercoledì 28 aprile 2010

Empatia




Ebbrezza di volteggiar di Farfalle nello Stomaco.

Sensazione note che riaffiora ogni qual volta il Pensiero si trasferisce in Te.

Magica empatia stanotte …

Come in una Favola

Come nel Sogno più bello che chiamiamo realtà, la Nostra.


Mutevoli nell’Espressione ma Invariati nell’Essenza Ci avviciniamo LentaMente

Ad intraprendere la Nostra strada.

Uniti e Forti di Noi.

Amanti Complici e Pregni di Ardente Passione.


Esplodono Festosi Nuovi Colori da sfoggiare sulle Nostre Pelli attorcigliati in nuove lettere che sappiano scrivere la Nostra Storia in un Antico Linguaggio comprensibile solo a pochi.

Riecheggia nelle orecchie, insistente come un sibilo, la frase della porta Aperta.


La Mente si è aperta Affinando i Sensi

E Ci ha Protesi verso quell’Unico Abbraccio che Ci ha Ghermiti strappandoCi dalle nostre Nerissime Realtà del prima del Muro.

Ritorna la solidità della Roccia del Vento Accarezzata dal Velluto dell’Acqua.


S’infrange innanzi a Noi il Sentiero da percorrere.

Poco importa dove porterà purchè Ci Sorprenda Assieme come Ora, più di Adesso e sempre un po’ meno di Domani.

Quel domani che è dietro l’Angolo abbarbicandosi su fragili Specchi alla spasmodica ricerca di se’ e del proprio baricentro Tuonante.


E la Tua voce mi giunge come una Melodia carezzandomi l’Anima.


Ed il Salone si fa Immenso per permettere ai Corpi di ballare stringendosi … di muoversi Sinuosi cercandosi … di avvinghiarsi contorcendosi fino ad apparire uno solo.


In una magia di Palline Colorate che decretano le Nostre mosse ed i Nostri sguardi imbambolati a fissarCi come Ci vedessimo per la prima volta … con le stesse Emozioni e le Farfalle che tentano la risalita dalla Bocca dello stomaco fino alla gola … fino quasi a soffocarCi di Sentimenti Veri e Genuini.


Non v’è cosa che non voglia Fare o Tentare con Te.

Voglio fare indigestione di tutto e di più.

Voglio nutrirmi senza mai saziarmi, nel Corpo, nell’Anima e nella Mente.


Ubriaca di Te e Te solo. Compenserai il mio essere SchifosaMente Astemia riempiendomi del Dolce Nettare dei Tuoi baci.



4 commenti:

achab ha detto...

Ciao,molto bello il tuo scritto,anche sensuale nei punti giusti,è come leggere un poema antico,dove l'Amore è all'origine del tutto.
Buona serata.

NERO_CATRAME ha detto...

E' vero ,poco importa dove porterà la nostra strada,rimarrà sempre la nostra.Incapaci di guardarci indietro portiamo dentro e dietro di Noi ciò che siamo.Emozioni che rigano la pelle una sull'altra.
Sensazioni che la accarezzano anche quand siamo lontani,perchè in effetti non siamo mai distanti,ma una dentro l'altro.

Pure Poison ha detto...

@achab : Tu lo sai meglio di me ... Con la Giusta Ispirazione e l'Esatta Musa, le Parole scorrono veloci a Rimarcare Sensazioni talvolta Indescrivibili.
Ma sono Felice vengano colte.
Buona giornata Capitano ;)

Pure Poison ha detto...

@NERO_CATRAME : No Matter What, No Mattere Where ... It's Always Home When Love is There!

Ingrediente Essenziale che non manca.
Arricchito dall'Essere quello che Si Amo!