lunedì 8 novembre 2010

Sedata



Cieca.

Non mi riesce più di veder splendere i Colori dell’Arcobaleno.

La porpora dalle Ali di farfalla si è frastagliata sulla cruda Realtà.

Piove.

Lacrima il Cielo la perdita cromatica e si Veste di grigio.

I contorno sono netti, decisi, senza spazio a dubbio alcuno.

Volteggia una foglia bagnata sospinta dal Vento …

Ma d’Acqua rimbombata precipita al suolo per esser calpestate e trascinata.

Il Vento ha perso forza.

L’Autunno è in decomposizione sull’avvento del nuovo Inverno … o Inferno.

Opacizza il cristallo indurendosi, rendendo tutto dannatamente difficile.

Ingialliscono le pagine del libro aperto togliendo leggibilità alle parole.

I pensieri si fanno di ghiaccio.

Letargico sonno che volge all’oblìo.

Calate il sipario sul dramma più duro.

La vita è un palcoscenico per chi si sa improvvisare Istrione.

Una ghigliottina certa per chi annaspa per esser se stesso.

5 commenti:

Eli ha detto...

Più che sedata mi sembri tremendamente viva e la vita si sa è cruda.

Ti abbraccio

parola di moderazione

up ti....se vuoi capire

SquilibrioDeiSensi ha detto...

Ciao Piccola Mia,
ti comprendo...
Poi il paesaggio non aiuta.
sono felice di leggere di te.
Parole di retrogusto amaro,ma graffianti,che fanno capire che pur essendo immersa nell'oblio,stai reagendo..che uscirai presto da questo tv in bianco&nero...tornerai a vedere i colori,a sentire gli odori,a gustare i sapori..a godere pienamente della tua Vita.
Vedrai sarà un battito di ciglia...

a presto Stella,
buona giornata.
kisses,
SdS

NERO_CATRAME ha detto...

Annaspo sotto le foglie che l'autunno cade,perso su quel sentiero che era ancora verde d'estate e che ho lasciato che si coprisse spegnendo la luce che riflette i colori dell'arcobaleno.Osservo da vicino la torre senza cercarvi l'entrata,perchè so che non la troverò nelle sue mura,ma solo in me stesso.Ora una lama scende dentro di me,per cercare il calore che puo sciogliere il ghiaccio,gelida come è adesso non puà scalfire la lastra che ricopre le mura della torre.

Danysweet ha detto...

E' difficile esser se stessi oggi my lady...
Cerchiamo di allontanare la ghigliottina da noi... almeno ci si tenta...
bentrovata....

Madame Bovary ha detto...

Carissima ho atteso e finalmente eccoti qua con un altro post a dir poco meraviglioso!
Condivido con te che per essere sé stessi è difficile essere accettati dagli altri. Anzi sono gli altri che ci convincono di cambiare il nostro Io.
Bisogna avere dunque coraggio, un coraggio che non tutti hanno, un coraggio che è difficile da trovare.

Buona settimana
A presto, un abbraccio